• 1

La nostra storia

Clowndoc nasce dal sogno del dottor Antonello Persico, chirurgo pediatra presso l’ospedale civile Santo Spirito di Pescara che sostenuto da altre quattro professioniste decide di realizzare un servizio qualificato e continuativo di clown terapia nell’ospedale della sua città.

L’idea trova immediata accoglienza da parte dei Primari, delle Caposala e delle equipe dei reparti di Chirurgia pediatrica e Onco-ematologia pediatrica già sensibili al tema dell’umanizzazione delle cure e del contesto ospedaliero.

Dopo un paio di anni di riflessione e formazione nel novembre del 2007 nasce Clowndoc come associazione di volontariato. Il suffisso doc non è stato scelto a caso ma vuole sottolineare l’aspetto della qualità-professionalità da sempre considerato fondamentale nella formazione e quindi nel tipo di interventi offerti.

L’Associazione è apartitica, apolitica, aconfessionale, non ha fini di lucro neanche indiretto ed opera esclusivamente per fini di solidarietà socialenel site de rencontre au togo mujeres solteras huesca http://biblioteka-chrzastowice.pl/marysja/1586 partnervermittlung wimmer this link http://salsiando.com/finelit/1033 http://ecapguatemala.org.gt/poioe/9815 frau im gefУЄngnis kennenlernen http://www.3www2.de/marcipanu/2228 look here settore dell’assistenza sociale, socio-sanitaria, sanitaria e della formazione.

Dal 2010, insieme alla cooperativa sociale Fantacadabra di Sulmona (AQ) e all’associazione Teatro Brucaliffo de L’Aquila, abbiamo costituito la Federazione Operazione Buonumore, per la promozione della “terapia del sorriso” in tutto il territorio abruzzese. Consapevoli dell’importanza di una rete sociale consolidata, in questi anni abbiamo costituito rapporti costanti con enti, istituzioni pubbliche e private e associazioni presenti sul territorio.

Nel dicembre 2012 si trasforma in una ONLUS regolarmente iscritta all’Anagrafe Unica delle ONLUS.

MISSION

L’Associazione ha lo scopo di promuovere e testimoniare una cultura e un approccio alla vita che privilegino la gioia, l’ottimismo, la fratellanza, la solidarietà, l’integrazione, il pensiero positivo e creativo e l’attenzione particolare a chi ha bisogno e/o è svantaggiato attraverso lo strumento principale della clownterapia.

Come priorità ci poniamo da sempre quella dell’umanizzazione dell’ambiente ospedaliero e di tutti i contesti socio-sanitari attraverso la presenza costante e continuativa di clown dottori adeguatamente formati.

La massima attenzione è riservata all’integrazione dell’intervento dei clown dottori con quello di tutte le figure professionali operanti in un determinato contesto.

Per noi di ‘Clowndoc Onlus’ il punto essenziale è esserci, stare con e affianco alle persone, con la voglia di entrare in relazione e metterci in ascolto seppure usando mezzi e strumenti divertenti e inusuali.

Il clown dottore per noi è un facilitatore facendo da ‘ponte relazionale’ tra le persone ma anche facendo da ponte emozionale per lo sblocco di emozioni e stati d’animo.

Le tecniche, le gags, la maschera clown sono solo uno strumento, il fine è la relazione e lo scambio reciproco tra noi clown dottori e chiunque incontriamo verso la co-costruzione di una realtà migliore.